Le mode che uccidono

Nella storia della moda e del costume ci sono state tendenze spesso molto dolorose e nocive per il nostro corpo e stavolta addirittura mortali. Vediamole!

 

IL CORSETTO

Il corsetto fu utilizzato soprattutto nel 19° secolo, a causa della moda femminile di avere una vita estremamente sottile. Questo accessorio, però, causava problemi a livello fisico: spesso stringeva talmente tanto il busto da ostacolare il respiro e causare svenimenti. Ma un altro grande disagio si ripercuoteva sugli organi interni: il corsetto li spostava dalla loro posizione naturale a causa dell’elevata costrizione del busto e ciò provocava emorragie interne, rottura delle costole e talvolta la morte.

LE CHOPINE VENEZIANE

Le chopine veneziane erano calzature dai tacchi altissimi, in sughero, utilizzate tra il 15° e il 17° secolo soprattutto a Venezia. Queste calzature divennero un vero e proprio status symbol, ma erano davvero pericolose, perché l’altezza del tacco arrivava fino a 50 cm, provocando cadute, aborti e a volte anche la morte

LA FASCIATURA DEI PIEDI

La fasciatura dei piedi, ovvero la cosiddetta pratica dei “piedi di loto”, costringeva le donne cinesi di 4-5 anni a fasciarsi i piedi alle estremità, per evitare che crescessero. In questo modo le ossa si spezzavano e il piede cresceva deformato. Le donne sopportavano terribili dolori e spesso da adulte non riuscivano a camminare poiché i piedi non potevano reggere il peso del corpo.

IL CERONE AL PIOMBO

All’epoca della cultura classica l’incarnato pallido era molto di moda anche perché identificava uno status nobile e benestante. Molte donne dell’epoca per esaltare l’incarnato pallido, utilizzavano cosmetici contenenti il piombo; questi erano altamente tossici e causavano mal di testa, paralisi, problemi ai denti e addirittura la morte

COLLIRIO ALLA BELLADONNA

In epoca vittoriana la moda femminile prevedeva le pupille dilatate, per questo si usava un collirio estratto dalla Belladonna: una pianta estremamente tossica che portava cecità, tachicardia, perdita di equilibrio, perdita di memoria, allucinazioni e persino la morte

IL PIGMENTO ALL’ARSENICO

Nel 19° secolo per colorare i tessuti di colore verde, veniva utilizzato il pigmento all’arsenico, non conoscendone i pericoli che poteva portare. Questa sostanza era altamente tossica e veniva rilasciata lentamente nella pelle dai vestiti; tutto ciò causava disturbi fisici e portava il cancro

 

Tag

Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui