La morte nei sogni: interpretazioni e significati

 

Vi è mai capitato di sognare la morte di una persona cara? Qua di seguito spiegheremo i vari significati che si possono attribuire a questo tipo di sogno, che spesso ci lascia perplessi e anche un po' tristi.

In primis la “colpevole” di tutto ciò potrebbe essere la paura: la paura di perdere fisicamente questa persona, la paura che essa si allontani da noi o se ne vada.
Il cambiamento potrebbe essere un altro responsabile del sogno: un cambio in negativo del rapporto con questa persona oppure un cambiamento che essa stessa sta facendo nella sua vita, che però viene subito anche da noi.

A volte sognare la morte di qualcuno presume la voglia che questo qualcuno si distacchi un po' da noi e ci lasci un più liberi; non è da vedere come una cosa negativa, ma semplicemente come un desiderio di riavere i propri spazi, che probabilmente questa persona ci sta un po’ negando.

In particolare quando si sogna la morte di uno dei due genitori, la cosa diventa ancora più interessante e va a chiamare in causa il caro vecchio Freud e il suo “complesso di Edipo”.
In particolari fasi della vita, ad esempio quando si va a vivere da soli e si acquista una certa autonomia, sognare la morte dei propri genitori può segnare una fase di distacco dal nido materno e paterno, che ci ha protetto fino a quel momento.
Allo stesso modo, sognare la morte dei propri figli rappresenta la paura di perderli, soprattutto quando essi raggiungono traguardi importanti che presuppongono un parziale o totale distacco dal nido familiare.

Al sogno della morte di un figlio si può anche attribuire, però, la preoccupazione verso di esso: preoccupazione per la sua salute o per il suo stato d’animo.
Può addirittura succedere che una madre abbia avuto una gravidanza non desiderata e che magari in quel momento abbia pensato di abortire; il sogno della morte del bambino può anche apparire anni e anni dopo, portando con sé i ricordi e le sensazioni di quel particolare momento.

 

Insomma, la nostra mente è strana, contorta e non può essere comandata…
E come direbbe Freud: “ L'inconscio è qualcosa che noi realmente non conosciamo, ma di cui siamo obbligati a prendere atto perché spinti da deduzioni irrefutabili.

Tag

Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui