I colori del lutto nelle diverse culture

Il lutto non viene rappresentato nello stesso modo in tutte le parti del mondo; ogni religione o cultura ha delle pratiche ben precise, che racchiudono abitudini, riti e ad esempio l’uso di particolari fiori o colori.

Oggi vogliamo concentrarci sul diverso colore utilizzato per rappresentare il lutto nelle varie culture. Vediamoli!

 

ROSSO

Questo colore era utilizzato soprattutto in passato per rappresentare la morte; antichi documenti hanno dimostrato che in Germania esistevano alcuni proverbi che associavano appunto il rosso alla morte, come ad esempio “Fuori rosso, dentro morto”, oppure “Se sei rosso pensa alla morte”.
Nell’antico Egitto, il sarcofago veniva rivestito di rosso, come rosso era il vestito usato per il lutto. Allo stesso modo nell’antica Roma, il colore rosso, associato al sangue, veniva utilizzato negli abiti del defunto e negli abiti da lutto.

 

BIANCO

Il bianco in molte culture del mondo viene associato al lutto ed in particolare al pallore della morte. Nel Camerun del Sud, per esempio, le vedove sono solite dipingersi le gambe di bianco; mentre nel Togo, le persone colpite da un lutto, si disegnano una striscia bianca sulla fronte. Anche nell’antica Roma veniva utilizzato il bianco per il lutto: le donne dovevano vestirsi con vesti bianche e rinunciare ai propri gioielli.

 

NERO

Il nero è il colore che viene generalmente usato come simbolo di lutto nella tradizione italiana.
Fino al secolo scorso, a Modica, in provincia di Ragusa, c’era l’usanza di tingere mobili e porte di nero in caso di perdita di una persona cara. Addirittura si ricopriva di filo nero anche il pettine per i capelli e gli orecchini, quando una donna rimaneva vedova.
Il nero veniva usato anche per tingere le barche a Santa Teresa di Gallura, quando ne moriva il padrone.

 

È curioso e allo stesso tempo interessante come cambi l’uso dei colori da cultura a cultura; restate aggiornati e presto scopriremo tante cose nuove sul mondo della morte, delle religioni e dei riti funebri!

Tag

Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui