I colori de la Santa Meurte in Messico

La Santa Muerte, alias Niña Blanca, Patrona, Señora o Flaquita, si presenta nelle classiche e spaventose figure della morte personificata. Fondamentalmente è rappresentata da uno scheletro vestito di una tunica e a questa composizione di base si possono aggiungere gli oggetti più disparati, come una bilancia, una falce, alata, accompagnata da un gufo, con una clessidra, con arco e frecce…

Incontrare le Santa Muerte per le strade messicane è molto frequente: come statua o statuetta in un altare, come dipinto murale, come gioiello o come tatuaggio. Nelle periferie le rappresentazioni si moltiplicano e il suo ruolo di protettrice di uomini dediti al pericolo, alla violenza, alla svendita di principi morali per la sopravvivenza del nucleo familiare, ha portato a considerarla il patrono degli affiliati alla criminalità messicana.

Ma questa è solo una generalizzazione, di quelle legate ai culti poveri, clandestini, venerati dalle classi più deboli, in cui violenza e disagio sono la quotidianità. Al contrario la Santa Muerte non sarebbe altro che una presenza benevola, un angelo di luce che protegge i più deboli; non una figura a cui si chiede la morte di qualcuno ma piuttosto protezione, o un favore, un’intercessione che si avrebbe pudore a chiedere a un santo cattolico ufficiale, come il ritorno di una persona amata. 

L’idea di base è che la morte equivale alla giustizia assoluta perché non fa distinzioni sociali. Così la morte personificata e santificata ha il potere di evitare o rimandare la nostra morte specifica, o, se proprio è suonata la nostra ora, ti concede di andartene in modo indolore, rapido, senza terrore.

La venerazione de la Santa Muerte varia in base ai poteri esoterici che la possono contraddistinguere. A identificarli sono i colori dell'abito: la Santa Muerte dal mantello Verde (la più importante) protegge i carcerati e i tossicodipendenti; quella dal mantello Rosso protegge dai dolori del cuore e dell’amore, rinvigorisce l’anima e il corpo durante gli atti sessuali; la Muerte Gialla protegge gli affaristi, i commercianti e soprattutto il traffico di denaro. La Muerte Bianca soccorre lungo la strada di un’eventuale purificazione spirituale e quella Nera, quella sanguinaria, viene invocata ogni volta che si è artefici o possibili vittime di un atto di sangue. C’è infine anche una versione policroma, con sette colori, quindi “tuttofare”, con sette poteri.

La sua origine e diffusione in Messico, ha radici ben lontane. E’ innanzitutto una commistione rituale affascinante tra cristianesimo ascetico (con marcati segni della Spagna inquisizionale del ‘600), i culti e le tradizioni popolari messicane convertiti poi in usanze religiose e la cultura latino americana della “yoruba”, reminiscenza di un passato intriso di magia nera e stregoneria. 

Quel che è certo è che la devozione per la Niña non coincide con la celebrazione del tipico Día de los Muertos messicano, e la sua immagine non deve essere confusa con quella della Calavera Catrina, lo scheletro in abiti femminili con cui l’incisore José Guadalupe Posada (1852-1913) caricaturizzava la borghesia francesizzante dei suoi tempi.

Se sia un rito, oppure una pratica esoterica, o se venga vissuta come una mistica credenza popolare o piuttosto con un avvolgente sentimento nero o soltanto con un fantasioso gusto del macabro, ancora non si riesce a capirlo. Ma senz’altro si tratta di un fenomeno di costume senza precendenti negli ultimi 30 anni di storia di tutto il Sud America.

Tag

Chiudi il banner dei cookies

Cliccando su OK accetti le cookies policies. Navigando in qualsiasi parte del sito dichiari di accettare l'uso dei cookies. Maggiori informazioni qui